Biotecnologie Agro-Alimentari

OGM “Ornamentale”

Differenti specie di Osteospermum

Differenti specie di Osteospermum

Come molti di voi ormai già sapranno, gli OGM non sono “creati” solo ed esclusivamente nel campo alimentare ma vengono anche creati per studiare alcuni fenomeni genotipici/fenotipici.

E’ stato identificato un gene, fattore trascrizionale, OSMy4b 4 isolato da riso, come gene in grado di migliorare la tolleranza a stress ambientali in alcune specie di piante. La risposta delle piante trasformate con Osmyb4 alla tolleranza verso gli stress ambientali dipende dal background genetico della specie in questione.

Alcuni ricercatori italiani, hanno studiato l’effetto dell’espressione di questo gene sulla tolleranza agli stress ambientali trasformando la specie Osteospermum ecklonis (vedi figura in alto), una pianta ornamentale e perenne originaria del Sud-Africa. La crescita di Osteospermum in Europa dove le temperature sono molo più basse rispetto al Sud-Africa sta suscitando un grande interesse a livello commerciale.

O. ecklonis è stato trasformato con il gene Osmyb 4 ed sono stati analizzate piante Non trasformate e piante trasformate sottoposte a differenti tipi di stress: freddo e congelamento. Le piante transgeniche individuate sono state classificate in due tipi: LE e HE rispettivamente espressione del gene Osmyb4 minore rispetto ad uno standard e massima espressione del gene.

Inoltre, sono stati analizzati le concentrazioni di metaboliti nelle foglie di piante non trasformate e geneticamente modificate mediante Risonanza Magnetica Nucleare (NMR) accoppiata all’analisi statistica multivariata. Da una prima analisi fenotipica si può dedurre che le piante trasformate hanno una migliore tolleranza agli stress da freddo (la figura  riportata sotto evidenzia come le piante trasformate stanno “meglio”). L’analisi analitica mediante NMR ha evidenziato che le piante geneticamente modificate sottoposte a stress ambientali presentano un quantitativo di metaboliti maggiore rispetto alle piante non modificate.

Dopo 10 giorni a 4 °C

Dopo 10 giorni a 4 °C (foto tratta da articolo citato in Bibliografia)

Sulla base di questi dati preliminari, si potrebbe sviluppare un interesse economico e agronomico per l’utilizzo di questo gene inserito in piante di Osteospermum capace di garantire la crescita anche a temperatura molto basse in inverno.

Lo studio analizzato evidenzia come lo sviluppo di piante geneticamente modificate con geni deputati al miglioramento di stress ambientali quali ad. Es. freddo potrebbe aprire in futuro nuove frontiere per la crescita di specie ornamentali originarie di paesi con climi differenti dall’Europa. Questa potrebbe essere una delle ulteriori applicazioni al mondo della ingegneria genetica.

Bibliografia:

Articolo  tratto da :

“Metabolic response to cold and freezing of Osteospermum ecklonis overexpressing Osmyb4″  Marina Laura, Roberto Consonni, Franca Locatelli, Elisabetta Fumagalli, Andrea Allavena, Immacolata Coraggio and Monica Mattana
Plant Physiology and Biochemistry, Volume 48, Issue 9, September 2010, Pages 764-771

 

Elisabetta Fumagalli

About Elisabetta Fumagalli

Elisabetta Fumagalli, laureata presso l’università di Milano Bicocca in biotecnologie industriali nell’Aprile del 2007, con la Passione per le strutture chimiche, collabora per circa due anni con il CNR, laboratorio di NMR e di Biologia e Biotecnologie Agraria su un progetto inerente analisi dei metaboliti prodotti da piante transgeniche e su matrici alimentari mediante Risonanza Magnetica Nucleare. Attualmente lavora presso una multinazionale farmaceutica in cui si occupa di Quality Assurance Compliance. Scarica il Curriculum

Tags: , , , , , ,

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


2 + = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>