Biotecnologie Farmaceutiche

EMISSIONI TOSSICHE DALLE STAMPANTI LASER DA UFFICIO

L’importanza e la valutazione della qualità dell’aria all’interno di uffici, sta diventando fondamentale nella società moderna, dato che in questi luoghi si passa la maggior parte del tempo.

Uno dei principali produttori di inquinanti in ambienti chiusi, sono le stampanti laser da ufficio e le fotocopiatrici. Esse sono una potenziale fonte di composti organici volatili (VOCs), ozono e di una moltitudine di particelle  (PM10 e PM2.5 ).

In uno studio recente Morawska et al. su Environment Science Technology nel 2007 sono state studiate le emissioni di PM2.5 provenienti da 58 tipi di stampanti differenti. Lo studio ha permesso di catalogare le stampanti in ” non emettitori di particelle”, “basso/medio emettitori di particelle” e ” alte emettitori di particelle”. E’ stato trovato che il 60 % delle stampanti studiate non emette particelle, invece il 27%  delle stampanti che emettono particelle, sono considerate ” alte emettitori”. Lo studio di diverse tipologie di stampanti Laser ha permesso di ipotizzare che il tasso di emissione delle particelle sia specifico per il tipo di stampante utilizzata, dal toner e dall’età della cartuccia.

emissioni-particelle

Figura 1: Numero di particelle generate in una giornata lavorativa rispetto ad un controllo esterno

In un altro studio di Lee et al. pubblicato su Bulding and Environment nel 2001, sono stati catalogati le principali molecole prodotte dalle stampanti da ufficio, concentrandosi sulla composizione dei composti organici volatili (VOCs). I test sono stati eseguiti comparando le emissioni di due stampanti a laser contro due stampanti a getto di inchiostro.

Stamapnte

VOC Totali (ug/copia)

Ozono (ug/copia)

PM10 (ug/m3)

Stampante Laser 1

5,7

1,2

65

Stampante Laser 2

7

1

65

Getto di inchiostro 1

1,2

0,05

20

Getto di inchiostro 2

0,7

0,05

38

Figura 2 : Confronto delle emissioni provenienti da stampanti a laser e a getto di inchiostro

Composto

Stampante Laser 1

Stampante Laser 2

Getto di inchiostro 2

Freon 12

0,61

0,66

0,43

Methyl chloride

0,71

0,82

0,55

freon 11

0,25

0,28

0,24

Methylene chloride

0,46

0,58

0,61

Chloroform

1,17

1,31

0,94

Benzene

0,77

0,84

0,41

Toluene

15,3

16,36

6,43

Ethylbenzene

1,99

3

1,26

m,p-xylene

1,56

1,68

0,92

Styrene

3,19

5,27

1,43

o-Xylene

1,96

2,29

0,68

 Figura 3: Concentrazione in ppbv (Parti per miliardo volume) delle principali molecole che compongono i VOCs misurate con stampante in funzione

Molte molecole ritrovate hanno potenzialità cancerogeniche note, come ad esempio il Benzene, altre molecole come l’ozono, causano ad  alte concentrazioni gravi problemi respiratori. Per quanto riguarda le polveri fini, PM10, e in modo particolare PM2.5, sono note causare patologie respiratorie quali asma, bronchiti, tumori ecc. anche se il meccanismo di interazione con le cellule non è completamente noto

Alcuni studi recenti ( Wensing et al. Science of the total Environment 2008), mette in dubbio l’opinione che la principale fonte di polveri ultrafini provengano dal toner.Questo dato pone dei limiti all’utilizzo di filtri commerciali, dato che le particelle ultrafini potrebbero non passare dal filtro. A conferma di questo sono stati testati 3 tipi di filtri commerciali che mostrano una efficienza di abbattimento molto differente tra di loro, ed in nessun caso efficace al 100 %.

 filtri

Figura 4: Efficienza dell’abbattimento di polveri ultrafini con tre tipi differenti di filtri testati sulla stessa stampante. (N = numero di prove effettuate )

 

BIBLIOGRAFIA

Morawska et al. , Particle Emission Characteristics of Office Printers, Environ. Sci. Technol. 2007, 41, 6039-6045

Schripp et al. , Evaluation of Ultrafine Particle Emissions from Laser Printers Using Emission Test Chambers, Environ. Sci. Technol. 2008, 42, 4338-4343

Lee et al. , Characterization of VOCs, ozone, and PM10 emissions from office equipment in an environmental chamber, Building and Environment 2001, 36,  837-842

Naoki Kagi et al, Indoor air quality for chemical and ultrafine particle contaminants from printers, Building and Environment  2007, 42,  1949-1954

Barrero-Moreno et al. , Identification of 2,3-dimethyl-2,3-diisobutyl succinonitrile in laser printer emissions, Rapid Commun. Mass Spectrom. 2008, 22,  471-476

Wensing et al. , Ultra-fine particles release from hardcopy devices: Sources, real-room measurements and efficiency of filter accessories, Science of the total Environment 2008, 407, 418-427

Riccardo Beretta

About Riccardo Beretta

Laureato presso l’università di Milano Bicocca in biotecnologie industriali nell’ottobre del 2007. Fino al 2013 ricercatore in azienda biotech nel campo della proteomica differenziale con spettrometria di massa, nei settori alimentare, veterinario e farmaceutico. Attualmentre responsabile della R&D in un'azienda biotech altamente innvovativa, nel settore della produzione di biogas e recupero-nutrienti. Scarica il Curriculum

Tags: , , , , , , , ,

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


sei + = 13

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>