Biotecnologie Farmaceutiche

Cellule Staminali Tumorali

Come già visto in  precedenti articoli le cellule staminali sono cellule presenti nell’organismo, in grado di autorinnovarsi mantenendosi attive e vitali per tutta la vita e in grado di differenziare in cellule mature. Grazie alla loro abilità differenziativa hanno diverse applicazioni nella cura di malattie ma presentano alcune caratteristiche che le fanno assomigliare a  cellule tumorali.

cellule staminali tumorali

La principale caratteristica in comune è il meccanismo di autorinnovamento cioè quella caratteristica che permette alle cellule staminali di rinnovarsi e mantenersi attive per tutta la durata della vita. Questo meccanismo è finemente regolato nel nostro organismo, una mutazione sui sistemi di regolazione dell’autorinnovamento cellulare potrebbe causare la moltiplicazione indefinita delle cellule, caratteristica delle cellule tumorali.

Si è quindi ipotizzato che le cellule staminali possano trasformarsi in cellule staminali tumorali, rare cellule presenti nella massa tumorale in grado di “guidare” la formazione e la crescita del  tumore. Questo significa che tra le cellule tumorali esiste solo un piccola frazione di cellule in grado di “estensiva moltiplicazione”  che poi attraverso moltiplicazione origina il resto delle cellule.

Le prime dimostrazioni di questo concetto sono state documentate per la leucemia e il mieloma multiplo. In questi casi, quando le cellule di mieloma multiplo di topo venivano separate dalle restanti cellule ematopoietiche e fatte crescere in vitro e in vivo, solo un minima parte di esse era in grado di crescere e propagare la malattia. Se invece da queste cellule si isolava/arricchiva di una particolare variante cellulare del tumore, queste cellule erano in grado di moltiplicarsi in vivo e in vitro partendo da una quantità minima.

Questa scoperta se dovesse essere confermata su differenti tumori, potrebbe aprire uno spazio a differenti cure tumorali. Attualmente le cure in commercio colpiscono la totalità delle cellule tumorali, oltre ad una  buona parte di cellule sane, un potenziale farmaco in grado di colpire selettivamente le cellule staminali tumorali porterebbe ad un grosso progresso nella cura dei tumori.

Figure:

http://blog.panorama.it/hitechescienza/2008/12/29/medicina-rigenerativa-staminali-tuttofare/

Bibliografia :

Reya et.all, Stem Cells, Cancer, and cancer stem cells, Nature, Vol 414 (2001), pag 105-111

Riccardo Beretta

About Riccardo Beretta

Laureato presso l’università di Milano Bicocca in biotecnologie industriali nell’ottobre del 2007. Fino al 2013 ricercatore in azienda biotech nel campo della proteomica differenziale con spettrometria di massa, nei settori alimentare, veterinario e farmaceutico. Attualmentre responsabile della R&D in un'azienda biotech altamente innvovativa, nel settore della produzione di biogas e recupero-nutrienti. Scarica il Curriculum

Tags: , , , , ,

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


3 + sei =

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>