Biotecnologie Agro-Alimentari / Biotecnologie Farmaceutiche / Biotecnologie Industriali

Andamento del settore Biotech in Italia

Il settore delle Biotecnologie in Italia è partito con un grave ritardo rispetto ad altri paesi europei come Germania, Gran Bretagna e Francia ma nonostante i ritardi ed i gap che ancora permane, il settore Biotech in Italia è in costante crescita da diversi anni.
Il numero di aziende Biotech agli inizi degli anni 80, in corrispondenza con la commercializzazione dei primi farmaci biotecnologici, era solo di 36 unità. Attualmente nel 2008 si sono raggiunti ormai le 260 aziende nel 2008 con una crescita del 720 % in circa 30 anni.

numero-aziende-2

 Le aziende biotech non solo hanno aumentato il numero ma negli ultimi anni hanno anche aumentato gli investimenti e gli addetti. Gli investimenti in ricerca e sviluppo sono passati da 1207 mln di euro del 2005 a 1506 mln di euro nel 2008 con un incremento del 20 % in tre anni. Gli stessi addetti in ricerca e sviluppo sono passati da 6202 a 8847 unità con un incremento del 30 %, ed inoltre è anche aumenta la % di addetti alla ricerca e sviluppo sul totale dei dipendenti a dimostrare una maggiore attenzione per la ricerca nella aziende italiane negli ultimi anni.

2005

2006

2007

Investimenti R & S Biotech

1207

1310

1506

Adetti R & S

6202

6487

8847

Adetti R & S / Totale dipendenti (%)

18%

17%

22%

Il 73 % delle aziende Biotech in Italia sono di piccole dimensioni cioè con meno di 50 dipendenti e meno di 10 mln di euro di fatturato. Il 13 % sono aziende di medie dimensioni con meno di 250 dipendenti e meno di 50 mln di euro di fatturato.

ripartiz-biotech-21

Ma di che cosa si occupano le aziende biotech italiane?
La maggior parte, il 73 %, sono aziende occupate nel ramo della salute, il 14 % nel campo agro alimentare ed il restante sono aziende nel campo ambientale e bioinformatico.

salute-agro2

Il settore “Salute” è sicuramente il traino del Biotech Italiano sia come numero di aziende ma anche come valore delle produzione ed investimenti. Infatti le aziende nel ramo “salute” rappresentano il 95 % del valore della produzione di tutte le aziende biotech e 88 % degli investimenti in R&S.
Un altro aspetto importante del biotech Italiano sono gli SPIN-OFF, cioè delle aziende che nascono o dalla separazione di un ramo aziendale di una società più grande o per iniziativa di una università che trasforma parte delle sue conoscenze in azienda. In Italia bene 45 aziende su 260 sono spin off , di cui 37 di origine universitaria. Mediamente questi spin-off hanno un numero di adetti e di fatturato superiori rispetto ad una normale STAR UP biotech.
Un altro aspetto del Biotech italiano sono i “Parchi tecnologici”, delle strutture che forniscono alle aziende che risiedono al loro interno servizi e tecnologie.  Il 36 % delle aziende biotech (95 aziende) e il 50 % degli SPIN OFF risiedono in questi parchi tecnologici.

Tutti i Dati mostrati sono stati ricavati dal rapporto ” Biotecnologie in Italia, Prospettiva strategica e Finanziaria 2009 di Blossom & Company”  Sito Internet : Blossom & Company

Riccardo Beretta

About Riccardo Beretta

Laureato presso l’università di Milano Bicocca in biotecnologie industriali nell’ottobre del 2007. Fino al 2013 ricercatore in azienda biotech nel campo della proteomica differenziale con spettrometria di massa, nei settori alimentare, veterinario e farmaceutico. Attualmentre responsabile della R&D in un'azienda biotech altamente innvovativa, nel settore della produzione di biogas e recupero-nutrienti. Scarica il Curriculum

Tags: , , , ,

One Comment

  1. Pingback: Biotecnologie per tutti » Lavorare nelle biotecnologie nel 2011

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*


+ 5 = dodici

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>